.
Annunci online

18 settembre 2010
Presentazione

Ecco il primo post, non prendetemi per un illuso, ma sono convinto che quello che per molti di noi sostenitori e iscritti del PARTITO DEMOCRATICO, cioè raggiungere la fatidica soglia di consenso del 40%, non debba rimanere un'utopia, abbiamo il diritto ma soprattutto il dovere di contribuire alla realizzazione di questo compito.

Sono convinto che tutti noi,  certamente consci dei nostri limiti, abbiamo le competenze per studiare nuove idee, suggerire un programma politico, per fare in modo che il Paese esca dalla palude nella quale sempre di più sprofonda.

Il PD deve uscire dalla logica di essere un luogo per pochi eletti, come purtroppo viene rappresentato, non deve essere l'etichetta di una solita nomencletura che cerca di rimanere a galla cercando continuamente stupidi personalismi e protagonismi, deve rappresentare degnamente tutta la società onesta Italiana.

Per fare questo è necessario che tutti dal primo all'ultimo, senza timore, senza ritenersi non all'altezza, esprimano il proprio pensiero, con la stessa forza con la quale si affrontano le difficoltà della vita quotidiana; personalmente non credo che abbiamo bisogno solo di grandi pensatori o professionisti della politica.

Il PD si è dotato di tutti gli strumenti per fare questo: una capillare organizzazione capillare, strumenti di comunicazione come quello che sto attualmente utilizzando, uno statuto che consente a tutti di partecipare alle sue attività politiche, che ci ha consentito con grandi risultati di affrontare consultazioni primarie per eleggere il suo Segretario.

Ora tutto ciò rischia di essere compromesso perchè come al solito c'è qualcuno che per inseguire la logica berlusconiana, si erge a paladino scavalcando tutte le principali regole, utilizza il proprio posto di rilievo nel Partito e nelle Istituzioni, non per il bene comune, ma esclusivamente per rimanere a galla, per cercare di conservare ciò che ritiene un mestiere: il politicante.

Il mio desiderio principale è che qui non trovino posto le esternazioni e i documenti dei suddetti personaggi il loro luogo naturale, a mio giudizio, sono i predisposti organismi, qui si dovranno commentare ed eventualmente giudicare proposte ed idee serie, proporre nuovi disegni di legge, cercare se necessario di suggerire correzioni allo statuto, qualora si ritengano obsolete o sbagliate.

Abbiamo bisogno di nuove idee per vincere con largo margine le, secondo me, imminenti elezioni, se necessario utilizzando mezzi anche non propri della nostra mentalità e cultura; cerco di essere chiaro in questo passaggio, per non essere frainteso: ad esempio è ormai radicata nel nostro Paese, a mio giudizio non sbagliata, ma eccessivamente enfatizzata, la personalizzazione, la ricerca continua del Leader, ormai la maggioranza dei cittadini ritiene che sia necessario sentirsi rappresentata da qualcuno che lo rassicuri, che infonda con la sua personalità fiducia. Il nostro statuto in merito prevede che il candidato sia il Segretario del Partito, ritengo in questa fase dove a stento raggiungiamo un quarto degli elettori, che questa impostazione sia da rivedere, soprattutto perchè per vincere è necessaria la formazione di una coalizione, ampia e coesa in un'unica piattaforma programmatica, pensare di imporre a tutte le componenti, che giustamente possono rivendicare la leadership, in quanto alla partenza della campagna elettorale si è tutti teoricamente posizionati sullo stesso blocco di partenza, sia alquanto presuntuoso. Ovviamente questo dovrebbe valere per tutti, da qui scaturisce il mio pensiero nei confronti della posizione del governatore Vendola; il nostro primo compito potrebbe essere questo, cerchiamo di rintracciare e suggerire un candidato ideale da far competere alle primarie di coalizione che sia la giusta rappresentazione delle nostre idee e dei nostri valori.

Ovvio che da qui non deve scaturire un'automatica sottovalutazione del nostro Segretario Bersani, al contrario ritengo che il suo lavoro debba essere ancorpiù rivalutato e supportato, in quanto la gestione di un Partito come il nostro è estremamente delicata ed importante, nulla vieta in caso di vittoria che gli venga affifdato all'interno del governo del Paese, un incarico idoneo alla sua personalità.

Credo che a questo punto, prima che vi assalga la noia, sia mia dovere fermarmi qui, spero che questi miei ambiziosi propositi vengano compresi, vi ringrazio tutti per l'attenzione


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd bersani elezioni primarie

permalink | inviato da nello63 il 18/9/2010 alle 11:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia